» in diretta
Domenica 09 Settembre 2012
Cerimonia di chiusura
Chiamata "Festa della fiamma" la cerimonia conclusiva dei giochi Paralimpici di Londra è stato un festival ricco di colori e musica. Sono stati 12 giorni impegnativi e faticosi ma tutti quanti torneremo a casa con qualcosa in più. Grazie ai 4200 atleti che hanno partecipato intensamente con entusiasmo, passione, orgoglio e tanta voglia di vittoria.









  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Domenica 09 Settembre 2012
Undicesimo giorno
Ultimo giorno dei giochi paralimpici, i giorni sono passati troppo velocemente ma le emozioni che portero' a casa sono moltissime. Attraverso la fotocamera ho vissuto e condiviso le emozioni degli atleti, con loro mi sono divertita, ho combattuto, ho riso ma anche pianto. Come ultimo gioco ho scelto di seguire il rugby, gioco che mi ha particolarmente appassionata qui a Londra. Giocatori in carrozzina si, ma con lo stesso spirito di squadra e determinazione di chi puo' usare le proprie gambe per correre a meta. Giocatori che utilizzano carrozzine corazzate,  mostrano i denti e si scontrano con irruenza e rabbia per il possesso della palla. Attraverso l'obiettivo della mia fotocamera ad ogni gioco paralimpiaco mi son chiesta perche' vengano definiti diversamente abili, ai miei occhi sono semplicemente super uomini.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Sabato 08 Settembre 2012
Decimo giorno
"Darò una parte del premio in denaro a mia madre ed alla famiglia e poi costruirò una palestra in Tailandia in modo che la prossima generazione possa giocare a boccia".
Così farà Pattaya Tadtong quando tornerà a casa dalla sua famiglia dopo aver vinto uno splendido oro nella boccia.
Nel penultimo giorno dei Giochi Paralimpici dove gli occhi sono puntati sui grandi eventi dell'atletica, preferisco andare a fotografare boccia, uno sport poco conosciuto e direi quasi marginale dove i protagonisti sono ragazzi con problemi più o meno gravi di paralisi cerebrale e di coordinamento motorio che si affrontano a viso aperto realizzando punti su punti con estrema precisione e logica.
Nella loro semplicità, intelligenza e umiltà mi hanno riempito il cuore di tenerezza e per la prima volta mi trovo a fotografare con gli occhi pieni di lacrime.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Venerdì 07 Settembre 2012
Nono giorno
 Quando si entra all'interno di uno stadio c'è spesso una musica assordante tra un tempo e un altro o tra una partita ed un'altra. Tra le canzoni più frequenti risuona quindi "London Calling" dei Clash. Ovviamente sui versi che incitano alla battaglia e non l'intero pezzo sullo scontro sociale nella Gran Bretagna degli anni '80.
Ascoltandola mi è venuto in mente un pensiero..... Un piccolo pezzo può rappresentare un insieme? Una fotografia può rappresentare la realtà o solo una piccola parte della realtà? Una paralimpiade può rappresentare la vita di un disabile? Ovviamente la risposta è stata no in tutti e tre i casi. Ma sicuramente le Paralimpiadi sono un pezzo importante nella vista di un disabile che pratica sport.









  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Giovedì 06 Settembre 2012
Ottavo giorno
Mostrare i denti, esibire i muscoli, urlare per intimorire l'avversario. Questo è l'inizio della lotta. Ogni contendente cerca prima di tutto di vincere sul morale dell'avversario: "sono più grosso, più forte e ti batterò". Nello sport questo si chiama esultare. E' comune a tutte le discipline, dalle più "aggressive" a quelle molto più meditative. Esultare sfoga l'adrenalina, fa uscire in pochissimo tempo tutta la tensione accumulata durante la gara. Concentrazione e precisione per un attimo cedono il posto all'istinto che porta ad urlare al massimo delle proprie possibilità e alzare le braccia al cielo. Gli atleti lo fanno spesso, sia quando vincono sia semplicemente quando portano a termine un'azione importante. Esultare fa parte del gioco e l'avversario lo sa bene.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Mercoledì 05 Settembre 2012
Settimo giorno
la giornata di oggi ci ha visti impegnati al Brands Hatch, dove abbiamo seguito il ciclismo. Diverse categorie di atleti son state protagoniste di piu' gare, dai singoli ai ciclisti ciechi in tandem. Possiamo solo provare ad immaginare tutte le emozioni che  puo' provare  un non vedente grazie alla guida, senza la quale non provare. Entusiasmanti anche le hand bike, incredibile come possano questi atleti, con il solo uso delle braccia, raggiungere in forza e velocita' le classiche biciclette da corsa.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Martedì 04 Settembre 2012
Sesto giorno
Oggi all'Aquatics Center si sono battuti molti records, 5 paralimpici e 8 mondiali. Le gare sono divise in categorie in base alla disabilità degli atleti che sono tutti giovani e il loro record è quello di essere presenti oggi a dimostrare quanto valgono veramente. Sono arrivati in finale anche 2 atleti italiani, Efrem Morelli sesto nei 100 rana e Federico Morlacchi che conquista il bronzo nel 400 stile libero.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Lunedì 03 Settembre 2012
Quinto giorno
Nascere con dei problemi, avere un incidente o una malattia è quasi naturale. Non è determinato se non in modo involontario dall'uomo. Un altro modo per diventare disabili è invece conseguenza di una scelta umana. Deriva dalla guerra.  
Oggi all'Excel c'è stata Bosnia Erzegovina contro Rwanda. Croati, serbi e musulmani contro tutzi e hutu dividevano una medesima maglia ma, forse, molti di loro avrebbero potuto evitare di perdere gambe e braccia se la ragione, il dialogo e la diplomazia avessero avuto la meglio.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Domenica 02 Settembre 2012
Quarto giorno
Sotto la pioggia di Eton Dorney oggi si è concluso il canottaggio. Gli spalti sono sempre pieni di Union Jack sventolanti pronti ad esultare e incitare i propri atleti che sicuramente ottengono una marcia in più. Il tifo è dirompente. E' facilmente capibile come uno stadio o un palazzetto può saturarsi di urla e applausi, ma difficilmente si riesce ad immaginare un boato simile in uno spazio completamente aperto e su un lago. Grazie a Stefanoni Daniele e De Maria Silvia pr averci fatto provare la vera sintonia che ci deve essere tra due atleti. Complimenti ai ragazzi del misto a quattro per averci regalato una gara combattuta fino alla fine.
Nel nuoto è arrivato il bronzo da Cecilia Camellini in una batteria che ha visto i primi quattro atleti in soli 50 centesimi di secondo.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Sabato 01 Settembre 2012
Terzo giorno
la giornata di oggi e' cominciata all'excel, insieme ad atleti di diverse discipline, judo, pallavolo e ping pong, per poi concludersi allo stadio con l'atletica. 








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Venerdì 31 Agosto 2012
Secondo giorno
Giornata intensa: incredibile il calcio giocato da ipovedenti che si muovono in campo regolandosi con un campanello posto all'interno del pallone. Nel North Greenwich Arena il basket è puro dinamismo, agilità e velocità. Il pubblico partecipa ed incita continuamente i giocatori in campo rendendo lo spettacolo unico e coinvolgente.









  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Giovedì 30 Agosto 2012
Primo giorno
Primo giorno di giochi e prime emozioni. Emozioni come veder scagliare una freccia tendendo l'arco con i propri denti. Emozioni come veder correre in tandem un cieco accompagnato dalla sua guida. Emozioni come veder scagliare un pallone in un cesto da una carrozzella.......
Ma l'emozione più grande è la naturalezza con cui tutto ciò viene eseguito. Naturalezza che deriva dall'aver affrontato e vinto ben altre sfide nella vita








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Mercoledì 29 Agosto 2012
Cerimonia di apertura
Entusiasmante e coinvolgente come doveva essere. Il tema dei super uomini ha dato la linea guida della serata che ha avuto momenti decisamente forti, partendo dalle storie degli atleti SuperHumans fino al clou quando è apparsa la statua in scala gigante di Marc Quinn’s intitolata 'Alison Lapper Pregnant’. Uno spettacolo adrenalinico iniziato alle 20:00 e terminato solamente dopo la mezzanotte. questa è solamente la prima serata, le paralimpiadi saranno sicuramente un'emozione continua.








  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Mercoledì 11 Luglio 2012
Cosa ci sarĂ ?
a partire dalla cerimonia di apertura dei giochi, quotidianamente in questa sezione troverete un report e una foto per seguire insieme i Giochi Paralimpici di Londra 2012
  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter


Domenica 26 Febbraio 2012
In diretta
In diretta durante i gioci paralimpici: 29 agosto - 9 settembre 2012




  • google +
  • blogger
  • facebook
  • linkedin
  • twitter